martedì 3 giugno 2008

Saluti da Ostia antica





Ieri per distrarmi un po ho fatto una passeggiata a Ostia antica che per quanto riguarda l'archeologia (una delle mie passioni primarie) insieme alla Villa di Adriano e Pompei sono tra le mie mete preferite.
Amo girovagare tra i ruderi e immaginare questi posti animati dalla gente del tempo intenta a svolgere faccende di vita quotidiana, immaginare antiche navi all'orizzonte che salpano o approdano con i loro ricchi carichi provenienti dalle province più remote.
Inginocchiarmi davanti a un tempio pagano e pensare che lì intere generazioni hanno richiesto aiuto o protezione ai propri dei.
Con la fantasia infiltrarmi non vista tra la folla e scorgere antiche matrone ingioiellate che sfilano nei loro bellissimi abiti, entrare nelle botteghe dei bravissimi artigiani e udire il vociare sommesso confuso coi colpi di bulino mentre realizzano oggetti di inestimabile valore che andranno ad abbellire i patrizi o le loro ville grandiose.
Assistere al lavoro di pittori o di esperti mosaicisti intenti ad incasellare le loro minuscole tessere marmoree mentre dal vicino teatro si levano le voci possenti degli attori che con le loro maschere portano in scena una delle tante tragedie.


Posta un commento